Vai al contenuto
Annunci

Stefano Ricci primavera-estate 2018

Eterna bellezza, davanti ai Sassi di Matera, patrimonio dell’umanità dal 1993, cattedrale spalancata sulle meraviglie della pietra che ha permesso all’uomo di vivere e progredire coi tempi della natura e dell’arcano. Nove secoli di meraviglia. Qui nell’incanto delle Gravine, nel silenzio della storia, Stefano Ricci ha scelto di raccontare la collezione primavera-estate 2018 partendo dall’eleganza assoluta cifra di uno stile che ha conquistato il mondo della moda maschile.

Uomini in completi di alta sartorialità, abiti e accessori veramente “fatti in Italia” con grande lavoro di mani esperte e cuori appassionati, che si stagliano tra le grotte e le chiese rupestri di una Matera che nel 2019 sarà Capitale europea della cultura. Nella babele di piccole case ad incastro una con l’altra e sull’altra, negli ipogei che profilano l’eternità, che accolgono come in un abbraccio di vita: la ricerca della perfezione della couture di Stefano Ricci dialoga con un ambiente preistorico che ha ispirato 60 film, da Pier Paolo Pasolini a Mel Gibson passando per Michelangelo Antonioni, perchè sassi e manufatti hanno lo stesso respiro di “eterna bellezza”.

Giacche monopetto a due bottoni o doppiopetto slanciato a sei bottoni dalle linee asciutte e seducenti, gilet che svelano camicie senza peso e cravatte a disegni che ricordano geometrie e intagli, scarpe stringate di coccodrillo mat e cinture coordinate, con la fibbia che calamita lo sguardo sull’aquila trionfante, simbolo della maison fiorentina. Tutta la forza del look Stefano Ricci è concentrata sui pantaloni che si fanno più asciutti, nei jeans più aderenti, e sui giubbotti di pelle dalla mano setosa nella forma classica e semplice, forte dell’alta qualità e leggerezza delle pelli. Un’operazione di fusion tra formale e spezzato ma anche nell’athleisure che si sublima nel confort della maglieria soft e delle sneakers peso piuma, come nella leggerezza preziosa degli zaini. Come sempre incisiva in collezione la presenza dei blu Ricci, dei neri illuminati in trama e fantasie, con le superfici dei tessuti irregolari per esprimere la forza della naturalezza, il lino e la seta, il bianco che sembra chiamare a raccolta sasso per sasso in una tavolozza di sfumature, il beige con la magia di un giardino di pietra. Non mancano tocchi di rosso, delicato, l’azzurro intenso del cielo di Matera, i bruciati che ci avvicinano alla storia di questa terra e regalano una forza maschia e sicura.

Prosegue così il percorso voluto dal direttore creativo Filippo Ricci, che ha scelto di ambientare i cataloghi delle collezioni Stefano Ricci nei Luoghi d’Italia. Dagli interni esotici del Castello di Sammezzano, alle sale seducenti del Vittoriale che fanno palpitare il cuore tra i ricordi vivi del Vate, dalle armature del Museo Stibbert di Firenze, alla scelta di Matera e della sua incredibile unicità per la storia dell’umanità a testimoniare la forza vincente del Made in Italy vero ed unico portatore di una cultura che il mondo ci invidia.

Annunci

GFB.com Mostra tutti

Contatti:
gentlemanfashionblog@yahoo.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: