Vai al contenuto
Annunci

Conte of Florence in fallimento

Ore decisive per il futuro di Conte of Florence, che appare sempre più complicato anche perché l’azienda che lo gestisce non è di fatto proprietaria del marchio.

Se da un lato, dopo la dichiarazione di fallimento da parte del Tribunale di Lucca a Giugno scorso, che ha giudicato inammissibile la richiesta di concordato in continuità, l’esercizio provvisorio concesso è stato prorogato dal 30 Settembre scorso al 30 Giugno 2019, dall’altro la difficile situazione aziendale, anche da un punto di vista giuridico, rischia di compromettere le sorti dello storico marchio fiorentino di sportswear, dal 2014 passato definitivamente sotto la newco Conte of Florence Distribution con sede ad Altopascio (Lucca), che riuniva anche i marchi Dekker e Kejo.

Le organizzazioni sindacali sono allarmate e per la prima volta verrà aperto un tavolo di crisi con la Regione Toscana, con un incontro voluto da Gianfranco Simoncini, consigliere del presidente Enrico Rossi, che si terrà a Lucca il prossimo 24 ottobre. A rischio ci sono anche le sorti dei 177 lavoratori, di cui una quarantina con contratto tessile-abbigliamento e i restanti che fanno capo ai vari monomarca e outlet del brand fondato negli anni Cinquanta da Romano Boretti.

«Come primo step stiamo cercando di ottenere almeno che i lavoratori con altre prospettive di occupazione possano essere riassunti beneficiando degli ammortizzatori sociali», ha spiegato Paolo Bruni di Filctem Cgil Lucca. «La proroga dell’esercizio provvisorio è una boccata di ossigeno, ma la preoccupazione aumenta per la difficile situazione che deve essere districata dalle autorità, visto che di fatto Conte of Florence Distribution non è proprietaria del marchio, l’asset più importante per una potenziale cessione».

Quest’ultimo infatti è stato venduto in passato a una società bulgara che lo ha poi dato in licenza all’azienda toscana, ma, secondo un accertamento dell’Agenzia delle Entrate, sembrerebbe non avere reale consistenza, con l’unico scopo di mettere al riparo il brand da un eventuale nuovo fallimento.

Inoltre, nei mesi scorsi, si sarebbe palesato un investitore con un piano da dieci milioni di euro per il rilancio di Conte of Florence e con garanzie per il buon esito del concordato da parte di una banca tedesca, che però sarebbero poi state giudicate dai giudici non attendibili.

 

Annunci

GFB.com Mostra tutti

Contatti: gentlemanfashionblog@yahoo.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: