Corneliani in fallimento

Impegnato in un piano di riorganizzazione industriale avviato nel 2019 e volto a restituire competitività all’azienda, il Consiglio di Amministrazione della Corneliani S.r.l. in un comunicato si definisce costretto a prendere “atto della rinnovata situazione di difficoltà dell’azienda, che, nonostante gli sforzi profusi, è stata fortemente aggravata dalle conseguenze economico-finanziarie derivanti dalla pandemia Covid-19”. Ne è conseguita la presentazione della domanda per l’ammissione alla procedura di concordato preventivo.

L’azienda dall’indiscussa eccellenza artigianale ha visto il proprio segmento di mercato profondamente colpito dall’emergenza sanitaria mondiale. Nella nota, la società Corneliani si definisce “colta dagli eventi in un delicato momento di trasformazione e ritiene che questo sia il modo più adeguato per salvaguardare i valori aziendali, in termini di manodopera e capacità industriale del gruppo”.

L’azienda fa sapere che il management – guidato da dicembre dall’AD Giorgio Brandazza – con il supporto degli advisor, è al lavoro per valutare ogni possibile opzione di soluzione della crisi.

Nel pomeriggio del 16 Giugno, Brandazza ha incontrato i segretari dei sindacati di categoria Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil e le Rsu. “Un incontro che arriva nel secondo giorno di chiusura dell’attività produttiva e dei servizi (con i lavoratori di nuovo in cassa integrazione Covid per l’intera settimana) e all’indomani dell’aumento del capitale sociale di 5,5 milioni di euro da parte del fondo Investcorp, non sottoscritto dalla famiglia Corneliani che ha visto diluirsi le sue quote dal 48,6 al 13,4%”.

Tra fine 2019 e inizio 2020, alcuni membri della famiglia Corneliani, Cristiano, Corrado e Stefano, avevano tentato la strada giudiziaria contro Investcorp, reo a loro dire di aver provocato la crisi della casa di moda. Ma la causa si è rivelata un insuccesso. Lo scorso Gennaio, il giudice ha definito l’iniziativa della famiglia infondata nel merito e inattuale. Investcorp può così proseguire nell’attuazione del piano di rilancio che ha in atto, volto a scongiurare il fallimento societario, e perseguire l’obiettivo di una fusione tra il proprio veicolo Sarti Holdings e Corneliani.

Il piano di rilancio prevedeva 140 esuberi tra i 454 dipendenti dello stabilimento di Mantova, tra i quali, sempre secondo fonti locali, è molto cresciuta la tensione, alimentata da dubbi su quale sia realmente l’attuale situazione societaria, quali investimenti verranno effettivamente realizzati per garantire una ripresa, se verrà rivviata a breve la produzione e quali strategie, espansive e nel contempo di tutela dei lavoratori, verranno implementate nel delicatissimo dopo Covid.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.