Vai al contenuto
Annunci

Alexander Wang Collection 2 autunno-inverno 2019-2020

Uptown versus Downtown New York, in un immaginario anni ’90. Così Alexander Wang ha voluto declinare la sua seconda collezione fuori calendario dalla New York Fashion Week, chiamata appunto Collection 2 per l’autunno-inverno 2019-2020.

«Questa collezione è una celebrazione della frenesia americana. Ho preso gli stereotipi di classe e ricchezza e ho cercato di mixarli per dare un nuovo senso a mood già conosciuti», ha spiegato Wang.

Come è da sempre sua abitudine stupire e offrire uno show nello show, Wang ha accolto il suo pubblico nello storico edificio di quella che una volta era la Williamsburg Savings Bank a Brooklyn con un gigantesco albero di Natale con decorazioni, ovviamente in nero, firmate Alexander Wang, un coro Gospel, champagne e caviale. Poi lui stesso si è affacciato da una terrazza e ha fatto notare che la sua sfilata coincideva con la giornata mondiale dell’Aids. Ha voluto poi sensibilizzare il pubblico sull’argomento regalando pop socket personalizzati, l’accessorio per smartphone per scattare selfie. Parte del ricavato dalla vendita dell’accessorio andrà invece a beneficiare ‘Red‘, la non profit che raccoglie fondi per la lotta all’Aids. Alla fine del suo discorso ha chiesto a tutti di mettersi in posa per una selfie collettivo. Questo ciò che è stato definito l’atto primo del suo show.

Per il secondo atto ovvero la sfilata, Wang ha fatto trasferire il pubblico in un sotterraneo della banca, che una volta ospitava casseforti e cassette di sicurezza. Wang ha giocato sui  concetti di classe e status symbol, per dare ad ogni uscita il suo twist rock e leather. Tra i look più forti: giacche di tweed con grembiuli da macelleria in pelle e bracciali chain indossati su guanti di gomma. Lunghi topcoat pied-de-poule con graffiti smiley face dipinti dall’artista Katsu, e look da sera rielaborati con t-shirt bianche o blazer tagliati con volumi ampi. Wang ha anche strizzato l’occhio al tempo trascorso in collegio, una boarding school, regalando momenti preppy. Troviamo così polo costruite interamente con spille da balia colorate e disegnate sotto maglioni a coste larghe, camicie da rugby oversize con creste borchiate e boxer a righe gessate. La nostalgia degli anni Ottanta si è manifestata nelle grafiche “PA!N” ispirate al tennis su polo seersucker.

Annunci

GFB.com Mostra tutti

Contatti: gentlemanfashionblog@yahoo.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: